STUDIO MIRAI

Tara Tazi Rewrite

Episodio #5 - L'iscrizione.

Tara Tazi riceve l'ordine dal suo superiore di trovare una banda di falsari alieni. Viene mandata sulla Terra in incognito e qui fa la conoscenza di alcuni alermariani con un incontro/scontro con una mula. E con il livido sul muso, fa la sua prossima mossa, iscriversi al concorso di bellezza.



Tara Tazi Rewrite
Episodio #5
L'iscrizione.

Tara salì le scale per andare all'ingresso del museo dove ad aspettarla c'era Arthur, lui le domandò appena la raggiunse.
- Che le è successo milady ?
- Niente di che, sono caduta sul terreno.
- Veramente ? - Domandò lui con tono sospettoso e continuò. - Vi dispiace farmi vedere le vostre zampe ?
- Le mie zampe ? - Domandò sorpresa la levriera e continuò. - Ma certo. Anche se non ne capisco il motivo. - Quindi alzò un piede mostrandogli la scarpa e Arthur specificò. - Mi scusi milady se non son stato specifico. Intendevo se mi mostravate le zampe superiori che gli abitanti di questo pianeta chiamano mani.
- Ah, d'accordo. - Rispose lei e le mostrò le "mani." Lui le osservò e poi disse. - Non dovreste mentire signorina Tara.
- Mentire ? - Domandò lei sorpresa e continuò. - Non credete che sia caduta ?
- Mi dispiace dirlo, ma no. Vedendo i lividi sul vostro bel musetto e le vostre "mani" capisco che state dicendo una bugia.
- Perchè non mi credete signor Arthur ? - Domandò con curiosità.
- Se voi eravate caduta come dite, per istinto avreste messo le zampe in avanti per proteggere il vostro bel musetto. Ma vedendole, non sono " sporche " dopo una caduta, percui ci sono due ipotesi. Prima ipotesi: Siete caduta priva di sensi. Seconda ipotesi: Che siete caduta dopo che vi hanno legata.
- Come fate a sapere.... - Disse lei sorpresa.
- Facile. Il vostro pelo. Si vedono i punti dove la corda vi ha stretto le zampe.
- Capisco. - E pensò. - " Mi ha sorpreso la sua intelligenza, speriamo solo che non sia un nemico. " - E Ser Fish disse. - E visti i lividi sul vostro bel musetto. Credo che avete avuto uno scontro più che verbale con la mula. Ho ragione oppure c'e un'altra spiegazione ?
- Mi avete sorpresa. Si, avete totalmente ragione, ma state pur tranquillo che ci siamo chiarite. Sapete, lei non sopporta che in questi concorsi, le altre femmine vengono viste solo per la loro bellezza e non per la loro bravura o intelligenza. Per questo ha distrutto quell'edificio. Senza contare che, secondo lei, quello era un edificio abbandonato da molto tempo.
- Capisco e in parte le do ragione. Scusatemi ma non vi ho aspettata per accompagnarvi a iscrivervi al concorso. Ma bensi per mostrarvi l'arte all'interno di questo tempio dedicato alla bellezza.
- Anche se non ne capisco molto, mi piacerebbe vedere qualche disegno alieno.
- Vedrete che sarete rapita dalla bellezza dell'arte aliena.
- Speriamo. - Rispose lei e entrambi entrarono nel museo.

L'interno del museo era maestoso e anche strano per la levriera, strano perchè ogni stanza che componeva l'edificio, almeno riguardo le zone per i visitatori, avevano uno stile architettonico diverso. Tara non notava che lo stile cambiava in concomitanza a ciò che quella zona del museo mostrava. Tra mummie e geroglifici, lo stile architettonico era quello egizio. La stanza con i quadri dell'800, aveva lo stile neo classico o storico. E via dicendo, per tutte le stanze che componevano l'edificio. Le uniche stanze con stile odierno erano quelle dei uffici del museo che ovviamente i visitatori erano esclusi dal visitare. Il museo era piuttosto affollato, per lo più di ragazze aliene o meno, questo perchè in alcuni punti del soffitto c'erano indicazioni riguardo il concorso di bellezza che doveva svolgersi all'interno di esso. Tara pensò vedendo il comportamento di alcune di esse.
- " A quanto pare alcune di loro non sono per nulla interessate all'arte. Se voglio essere più convincente sarà meglio imitarle. "
- A cosa state pensando.
- Che è la prima volta che vedo l'interno di un museo alieno. E stupendo vedere tanti stili di abilità.
- Voi sapete disegnare ? - Chiese lui con curiosità.
- Ahimè no. Ho altre qualità, ma non quella di saper fare arte.
- Capisco. Su, seguitemi. Vi mostrerò un quadro veramente d'atmosfera. - Disse lui e la levriera lo seguì. Si fermarono davanti ad un quadro che rappresentava una costa britannica con nel mare, alcuni vascelli inglesi del 700. Lei disse sorpresa. - Che strani veicoli alieni.
- E' un ricordo della vecchia inghilterra, durante le lotte contro i pirati. - Lei si avvicinò e annusò il quadro per poi dire schifata. - Che brutto odore.
- Stiamo parlando di colori vecchi di moltissimi giò. L'odore dovrebbe esser già svanito. - Disse con tono sorpreso Ser Fish.
- Diciamo che ho un olfatto piuttosto sviluppato. - Disse lei seria e continuò. - Ma sono qui per partecipare al concorso e non vedere dei quadri, e pensò. - " Anche perchè ora so che odore emana un quadro vero con uno falso. "
- Avete ragione, ma non potete non farvi gli occhi su alcuni bei pezzi di arte aliena. - Disse lui serio.
- Preferisco conoscere le mie avversarie che non quest'arte aliena. - Disse seria, lui disse stupito. - Ho paura che quel colpo vi ha fatto veramente male.
- Perchè dite questo ? - Domandò lei con curiosità.
- Mi avete confidato che vi piaceva l'arte e non vedevate l'ora di osservare con i vostri occhi l'arte aliena.
- Davvero ? - Disse lei stupita e pensò. - " Ora ricordo. Ho fatto questo errore. Ora come me ne esco ? " - Si chiese e continuò. - " Se gli dico che era una bugia.. Uhm.. Ho un'idea. "
- A che state pensando stavolta milady ?
- Avete ragione. Quel colpo ricevuto mi ha scombussolata. Si è vero. Sono curiosa nel riguardo l'arte aliena, però mi trovo qui principalmente per partecipare ad un concorso di bellezza. Per quel che mi riguarda, ora l'arte aliena, passa in secondo piano, converrete con me che ho ragione. No ?
- Si. Convengo con voi che dopo aver sopportato un viaggio cosi lungo, per partecipare al concorso, la vostra curiosità è più per chi vede una cosa nuova che non avere la vera passione per l'arte.
- Esatto. Percui vi domando, volete accompagnarmi al concorso ?
- Ma certamente milady. - Rispose lui con un leggero malincuore. La coppia lasciò la stanza dei quadri e seguirono la segnaletica appesa per andare dagli organizzatori per iscriversi al concorso.

Ci troviamo in una stanza rettangolare in cui entrata posta al lato sud, era formata da due ante di vetro trasparenti i lati est e ovest erano occupati da quadri che raffiguravano la bellezza femminile. Al centro del muro nord c'era un palco blu che proseguiva verso sud tramutandosi in passerella, mentre ai lati della passerella c'erano molte sedie di plastica e ogni tanto una scultura femminile. Le sedie servono per il futuro pubblico. Accanto alla fine della passerella c'e un tavolo di legno e una sedia che era occupata da una volpina con pelo celeste al centro e blu' all'esterno. Occhi rosa, capelli lunghi lisci fino alla vita rossi. Le zampe sono di un blu piu scuro, orecchie grigie, coda blu chiaro con la punta sfumata verso il celeste. Indossa una maglia con maniche lunghe rossa, blu jean's e scarpe nere con tacco basso, un paio di orecchini a clip a forma di cubo nero. Accanto alla volpina si trovava in piedi una ragazza umana, piuttosto alta con capelli lunghi castani, occhi neri, carnagione bianca, sul volto ha delle lentigini e indossa un paio di occhiali con montatura argentata. Indossa una camicia bianca, gonna stretta e un pò lunga nera e scarpe con tacco nere. Ha a tracolla una borsa marrone chiaro e alle orecchie indossa un paio di orecchini ad anello dorati. Davanti al tavolo di fronte alla volpina c'era una sedia di plastica vuota. Invece al muro ovest c'era un gruppo di tre ragazze che parlottavano tra loro davanti ad un grande quadro. Tara disse sorpresa e emozionata nel vederla.
- Ma.. Ma.. Voi...
- Si, dite. - Iniziò lei e continuò. - State bene signorina ?
- Voi, voi.. Non è possibile. Siete veramente voi ?
- Si. Mi chiamo Giada Mirai. - Disse sbuffando e annoiata. Non era la prima ragazza Alermariana a essere sua fan. - E voi siete.
- Mi. Mi chiamo Tara, Tara Tazi e sono una vostra fan. Le vostre idee sugli impieghi dei processori umi 24 sono veramente...
- Non ho fatto tutto io, fidatevi, ho avuto dei bravi collaboratori. - Disse lei e indicando la sedia continuò. - Prego, sedetevi.
- Vero, ma siete stata voi. - Rispose lei mentre si sedette.
- Solo perchè lo voleva la F.E.A. Perchè ero la più fotogenica tra i miei collaboratori. Ma questo non significa che debba aver io tutto il merito. Ma ditemi signorina Tara, siete qui per..
- Per partecipare al concorso di bellezza.
- D'accordo. - Iniziò lei e disse all'umana al suo fianco. L'hai memorizzata Ametista ?
- \ Si. / - Rispose lei e Tara disse contenta osservando Ametista. - Questa è la vostra famosa IA Ametista. E' la prima volta che la vedo dal vivo.
- Già . - Iniziò la volpina e l'androide diete alla volpina un foglio preso dall'interno della borsetta, e lei disse passandolo alla levriera. - Prima che possa ammettervi, dovete leggere questo.
- Cosa è ? - Domandò lei con curiosità e lesse il foglio. Dopo di che disse restituendolo - Ne prendete di precauzioni.
- Ovvio. Non so se lo avete notato, ma qui ci sono migliaia di crediti. E noi non vogliamo correre il rischio di pagarne eventuali danni. Quindi, cosa decidete ? Siete sicura di voler partecipare ?
- Certamente. Non mi fermeranno eventuali rischi di arte. E certamente io non penserò minimamente a danneggiarli.
- D'accordo. Allora, che numero volete ?
- Numero ?
- Già. Abbiamo bisogno di un numero identificativo e altri pochi dati. Ora, rispondetemi. Che numero volete.
- Ehm. Non saprei.. uhm... - Disse lei indecisa.
- Che ne pensate del numero 4 ? - Domandò lei.
- " Ho una sensazione di deja vu " Va bene. - Disse lei contenta.
- Se vincete il concorso, che farete ?
- Uhm.. Non saprei, forse acquisto qualche quadro alieno ? - Domandò lei non sapendo dare una risposta.
- Che lavoro fate ?
- Concorrente per concorsi di bellezza, vale ?
- No, possiamo scriverci modella. Che ve ne pare ?
- Va bene.
- Aspirazioni per il futuro ?
- Non saprei.
- Vorreste viaggiare per tutto il pianeta ?
- E' un pò stressante, ma potrebbe andare bene. - Disse Tara non capendo queste domande.
- Ok, scrivo, viaggiare intorno al mondo. - Disse seria Giada e chiese. - Hobby ?
- Uhm.. Guardare l'arte aliena oltre a quella locale ?
- Scriviamo appassionata di arte aliena e locale. Vi va bene ? - Domandò la volpina.
- Si.
- Ok, tutto è pronto devo solo farvi un'ultima domanda.
- Dite.
- Avete l'uniforme adatta ?
- Uniforme ? Quale uniforme ? - Domandò lei e Giada le ordinò. - Per favore, alzatevi in piedi. - Lei ubbidì' non capendo e la volpina disse ad Ametista. - Prendi le sue misure.
- Misure in acquisizione, si prega di non far movimenti bruschi. - Disse lei che abbassò gli occhiali e dai suoi occhi partirono dei laser che la scannerizzarono totalmente e poi disse. - Scannerizzazione terminata. Misure acquisite.
- Bene cosi. - Disse la volpina poi disse alla levriera. - Se volete, potete far la conoscenza di alcune concorrenti.
- Perchè no ? - Disse lei e pensò. - " Cosi tasto il terreno. " - Quindi andò verso il gruppo di ragazze salutando Arthur. Quest'ultimo decise di proseguire da solo il giro dell'intero museo.

Tara si avvincinò al gruppo di ragazze che si trovavano vicino ad enorme quadro che rappresentava un campo di battaglia in cui in primo piano si vedeva una ragazza in armatura bianca, sopra un cavallo che andava contro i nemici. Il cielo era celeste con nuvole bianche e sullo sfondo c'era un paesaggio medievale. La levriera disse una
volta che le raggiunse.
- Posso unirmi a voi ?
- Ma certamente aliena. - Disse la prima ragazza che era alta 1,50, occhi neri, capelli lunghi fino alla spalla neri. Poteva avere sui 18 anni. Indossa una gonna lunga bianca con scarpe nere, camicia blu e orecchini rossi a forma di cuore. E continuò. - Mi chiamo Kaiko Udachi, scommetto che voi siete una nuova concorrente.
- Si, mi chiamo Tara Tazi e mi trovo qui dopo un lungo viaggio per partecipare a questo concorso di bellezza.
- Non sei l'unica che ha fatto un lungo viaggio, cara. - Disse una volpina antropomorfa con pelo rosso, capelli lunghi castani con mesce rosse, occhi neri, zampe marrone scuro, punta della coda bianca. Indossa una camicia arancione con bottoni a clip rossi, giubbotto corto di colore bianco, blu jean's e scarpe da ginnastica arancioni con chiusura a strappo. E un paio di orecchini ad anello di colore rosa. Tara disse vedendola. - Non volevo certo
mancarvi di rispetto volpina, ma non pensavo che non ero l'unica alermariana.
- Da ciò che ho saputo da mia sorella, le alermariane saranno le più numerose.
- Davvero ? - Iniziò lei stupita e poi chiese con curiosità. - Chi è vostra sorella ?
- Ah, già, dimenticavo di presentarmi, mi chiamo Ametista Mirai, e sono la sorella di Giada. Si, la stessa Giada che vi ha accettato al concorso.
- Non dovrebbe essere contro le regole che la sorella del giudice che ci deve valutare, partecipi al concorso come concorrente ?
- Vi sbagliate Tara. - Iniziò Ametista e continuò. - Non sara lei il giudice.
- Esattamente. - Si intromise l'ultima ragazza del gruppo che ha sui 26 anni, altezza 1,73, capelli biondi lisci lunghi fino alla vita, occhi celesti anche se l'occhio destro e coperto da un ciuffo ampio e intenso di capelli che gli penzolano davanti, e non gli danno fastidio. Carnagione mulatta. Indossa una maglia senza maniche rosa, gonna stretta e lunga bianca, scarpe con tacco basso nere. Un paio di orecchini ad anello rosa, e a tracolla porta una borsetta bianca con cerniera dorata. - Da ciò che ho sentito, i giudici saranno tre ex concorrenti.
- Quindi saremo tutte ragazze. - Disse Kaiko piuttosto interessata.
- A quanto pare. - Disse Ametista.
- A me non importa chi saranno i giudici, l'importante è che mi veda il mio Garusai. - Disse contenta l'ultima ragazza.
- A proposito di ragazzi, chi ne ha qualcuno ?
- Io ne avevo uno alieno ma non ha funzionato. - Disse la sorella di Giada.
- A me invece è andata male. L'unico che ho trovato non esisteva nella realtà. - Disse Kaiko.
- Io invece ho il mio bel Garusai. - Disse la ragazza con il ciuffo davanti all'occhio e continuò. - Ah, scusa Alermariana. Mi chiamo Sakura Masnaaki e spero che diventeremo amiche.
- Ne sono certa. - Rispose lei e continuò. - Io invece non ho trovato ancora nessun maschio.
- Vedrai che lo troverai, magari avrai più possibilità se vincerai questo concorso. - Disse Kaiko.
- Non penso che sarà facile vincerlo, anche voi non scherzate riguardo a bellezza.
- Grazie aliena. - Disse la terrestre e continuò chiedendo a Sakura. - Non sai nulla riguardo i giudici ? O le varie prove che affronteremo durante la gara ?
- E' già molto che abbia saputo che sono tutte ex concorrenti. Mi dispiace non so altro. - Rispose lei e Tara domandò. - Non è interessante il luogo dove si svolgerà la gara ? Dico, siamo nel tempio della bellezza artistica dove ci valuteranno per la bellezza naturale.
- La pensata non è male. Ma spero che non ci costringeranno a dormire qui dentro. Preferirei dormire in un hotel con tutti i comfort. - Disse Udachi.
- Non penso che gli organizzatori saranno cosi stupidi da non trovarci un albergo. - Disse Ametista e continuò. - Male che vada, andrò a dormire da mia sorella.
- Io invece mi sistemerò a casa del mio ragazzo. - Rispose Sakura.
- Io ho già una stanza alla pensione l'ora del thè, non penso di aver bisogno di un'altra sistemazione per il concorso. - Disse la levriera e in quel momento si sentì una voce femminile alle loro spalle che disse. - Buon giorno ragazze e aliene. - Il gruppo si voltò verso al nuova arrivata e tutte si presero un piccolo spavento nel vedere chi si era aggiunta. Era una scorpiona antropomorfa di colore marrone scuro, occhi rossi, coda nera e punta del pungiglione bianca. Ha 4 gambe con estremità inferiori a punta e due braccia con chele al posto delle mani, capelli a caschetto biondo scuro. Indossa un top blu e gonna ampia bianca, non indossa scarpe. - E lei chiese nel vedere le loro espressioni. - Sembra che abbiate visto un mostro.
- Ma no, vi sbagliare. - Disse con coraggio Sakura.
- Pia.. Piacere. Mi chiamo Tara Tazi e anche voi siete una concorrente del concorso di bellezza ?
- Si levriera. Mi chiamo Schira Veis. Piacere di conoscerti. - Rispose lei che le diete la chela sinistra, ma la levriera ebbe leggermente paura. Schira ritrasse la chela e chiese. - Cosa stavate raccontando di bello ?
- Di ragazzi, specialmente il mio Garusai. - Disse Sakura.
- Ah, dovevo intuirlo. - Rispose lei sorridendo divertita, il suo sorriso fece spaventare Tara che pensò. - " Speriamo che non sia uno dei falsari sottocopertura, non me la voglio trovare come nemico. " - Poi disse. - Sembra che gli organizzatori non ci troveranno nessun hotel dove alloggiare.
- Devono solo azzardarsi a non darmi una stanza di albergo che gli farò assaggiare le mie chele, non voglio certo dormire in questo museo. - Rispose incavolata la nuova arrivata.
- " Dormire in questo museo... " - Iniziò a pensare la poliziotta e Kaiko chiese. - A cosa pensi Tara ?
- Scusatemi, mi sono ricordata di una cosa. Devo subito correre alla pensioncina. Arrivederci colleghe.
- Arrivederci Tara. - Iniziò la ragazza e Ametista continuò. - Ma ricorda. Saremo rivali nel concorso di bellezza.
- Me ne ricorderò volpina. - Rispose lei e corse via mentre il gruppetto con la scorpioncina, parlottarono tra loro.

Cosa le è venuto in mente a Tara ? Lo saprete al prossimo episodio. By Studio Mirai. ^_~

Continua... ( By Studio Mirai. )

CREDITS:

Storia basata sulla serie Diana Fox©.

Diana Fox© Story and Characters is © 2003 - 2015 P.L.S Editing /
Fantasy Team and Studio Mirai.

Personaggi creati appositamente per questa miniserie sono: Tara Tazi©. Arthur© per gli amici Sir/Ser Fish©.

Altri personaggi in questo episodio:

Kaiko Udachi From Den Man.

DEN MAN©. Story and its characters, is a trademark & © Kai Hinaki / P.L.S
Editing 1997/2015. Italian version is © Traduction Team.

Giada Mirai©, Ametista Mirai©, Sakura Masnaaki©. Characters from Backstage of Studio Mirai.

Backstage of Studio Mirai © 2005-2015 P.L.S Editing / Traduction &
Fantasy Team and Studio Mirai.

Schira Veis© Character from Diana Fox©.

Diana Fox© Story and Characters is © 2003 - 2015 P.L.S Editing /
Fantasy Team and Studio Mirai.

Inizio episodio alle 15:16 del 23/04/2015
Fermato alle 16:30 del 23/04/2015
Ripreso alle 14:39 del 24/04/2015
Fine episodio alle 14:59 del 24/04/2015

Inizio correzione e adattamento alle 17:22 del 24/04/2015
Fermato alle 18:36 del 24/04/2015
Ripreso alle 20:03 del 24/04/2015
Fine correzione e adattamento alle 20:27 del 24/04/2015